Mi chiamo Patrizia Oropallo, e faccio la guida turistica; ho cominciato questa attività a Piacenza da una ventina di anni (!), e nel tempo ho esteso le mie competenze anche alle zone di Parma e di Cremona.

Insieme ai miei colleghi di Atlante ho deciso che è arrivato il momento di usare un nuovo modo di comunicare quella che è la mia e la nostra passione; vorrei condividere le bellezze del territorio e dei monumenti e opere d’arte che mi circonda e così inauguro il blog del quale mi occuperò principalmente io.

I turisti italiani che negli anni ho portato alla scoperta di questi luoghi vengono soprattutto da province e regioni vicine e non di rado si stupiscono che Piacenza sia così bella e con tante “cose da vedere”
Spesso sento affermazioni come questa: “e pensare che l’unica cosa che conoscevo era il cartello dell’uscita autostradale!” …eh già!

Mi è anche capitato di guidare gli stessi piacentini nella visita a musei, mostre o monumenti e anche in quel caso il commento più frequente era: “viviamo in una città e in un territorio molto belli, ma non li sappiamo apprezzare”“ andiamo prima dall’altra parte del mondo e poi scopriamo cosa c’è di bello sotto casa”“viviamo in un luogo senza conoscerlo veramente, mentre i turisti, anche stranieri, vengono fin qui per vedere questi tesori artistici e paesaggistici” …e altre affermazioni di questo genere, insomma “la scoperta dell’acqua calda”! ;-)

E dunque eccomi qui, pronta a raccontare questo territorio, con uno sguardo “Turistico” a chi vorrebbe saperne qualcosa di più, alla gente del posto un po’ distratta, a chi vorrebbe venire in gita da queste parti, a chi cerca un’idea per una giornata fuori porta.

Vi parlerò di luoghi meno conosciuti, di opere d’arte nascoste, ma anche di monumenti famosi, di borghi da vedere.

Vi proporrò anche appuntamenti per visite guidate o vi suggerirò scampagnate, anche in occasione di manifestazioni, e qua e là inserirò anche notizie sulle tradizioni e i prodotti tipici di quest’angolo di terra tra la pianura padana e le prime pendici appenniniche, tra Emilia e Lombardia.

In fondo la professione della guida turistica consiste proprio in questo, raccontare. Ai miei turisti racconto le storie e gli aneddoti dei personaggi che hanno vissuto in questi luoghi, che li hanno dominati; racconto le storie degli edifici, le vicende delle opere d’arte, le tradizioni, i prodotti tipici, le ricette…

Ma questa volta invece di raccontare a voce al turista che ho di fronte, voglio provare a raccontare a voi che vorrete leggere, tramite foto e testi.

Diversamente da molti blog di viaggi, dove chi scrive va alla scoperta di luoghi lontani, con questo blog io vorrei portare voi da me, con i miei racconti e le immagini che scatterò, con la speranza, prima o poi, di incontrarvi qui a curiosare!

Sono pronta ad accogliere i vostri commenti, a rispondere alle vostre domande, ad approfondire temi che potranno emergere, o semplicemente ad intrattenervi.

Si comincia, benvenuti!


  1. Monica Frigo

    Complimenti Patrizia!
    Bellissima idea!

    Buon lavoro e non vedo l’ora di leggere tutte le vostre proposte di visite guidate!

    Ciao!
    Monica

    • patrizia

      Grazie,
      sono contenta che ti piaccia, al prossimo approfondimento!
      Ciao,
      Patrizia

Scrivi un commento